GFB Industrial Consulting Questa scheda è fornita a titolo esclusivamente informativo e non implica alcuna assunzione di responsabilità derivante dall'utilizzo dei contenuti
Scheda riassuntiva della Legge 1329/65
Agevolazioni per l'acquisto o il leasing di nuovi macchinari

Oggetto
Agevolazioni per l'acquisto o la locazione di macchine utensili o di produzione nuove di fabbrica.

Beneficiari
Piccole e medie imprese industriali, artigiane, commerciali, di servizi o agricole.

Attività finanziabili
Acquisto o locazione di nuovi macchinari utensili o di produzione, costruiti in Italia o nell'Unione Europea:
- macchinari e attrezzature fisse o semoventi per manipolare, trasportare e sollevare materiali (gru, carroponti, carrelli, betoniere, nastri trasportatori, ecc.) operanti nell'ambito dello stabilimento o cantiere;
- macchine destinate alla trasformazione dei prodotti agricoli e tutte le macchine agricole motrici ed operatrici impiegate direttamente e specificamente nell'agricoltura - comprese le macchine agricole con targhe UMA ( targa verde );
- impianti e macchinari antinquinamento, la cui funzione depuratrice produca effetti benefici all'ambiente esterno all'unità produttiva di installazione;
- calcolatori elettronici per la progettazione e l'organizzazione del lavoro, oltre che per la contabilità industriale;
- macchinari per la produzione di servizi su scala industriale;
- sistemi di macchine, le parti complementari e gli accessori.

Spese ammissibili
Sono ammesse le spese per l'acquisto di nuove macchine utensili o di produzione il cui costo unitario non sia inferiore al milione di lire o superiore ai 3 miliardi.
Sono ammesse alle agevolazioni anche le spese necessarie per il collaudo, il trasporto e l'imballaggio, per non oltre il 15% del costo della macchina.

Finanziamento
Vengono concessi contributi in conto interessi fino al 100% del costo del macchinario.
La determinazione del tasso agevolato, è pari alle seguenti percentuali in funzione della localizzazione del soggetto beneficiario:
- 100% del tasso di riferimento vigente al momento di erogazione dello sconto per macchinari utilizzati in unità produttive o operative ubicate nelle zone Obiettivo 1;
- 60% del tasso di riferimento vigente al momento di erogazione dello sconto per macchinari utilizzati in unità produttive o operative ubicate nelle zone ammesse alla deroga di cui all'art.92.3 del Trattato C.E.;
- 50% del tasso di riferimento vigente al momento di erogazione dello sconto per macchinari utilizzati in unità produttive o operative ubicate nei restanti territori, con il limite di 200.000 ECU per le medie imprese.
Per le imprese localizzate nelle aree obiettivo 1 è previsto un contributo aggiuntivo in conto capitale a valere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.

Procedure
La procedura di vendita deve avvenire attraverso effetti cambiari. L'operatore deve presentare la domanda di agevolazione compilata su appositi moduli che possono essere ritirati presso gli istituti di credito abilitati per il medio termine. L'istituto svolge l'istruttoria, delibera la concessione del provvedimento e inoltra la richiesta di agevolazione al Mediocredito Centrale.
E' bene sapere che ancor prima del pagamento della prima rata contrattuale il Mediocredito Centrale provvede alla liquidazione del contributo a fondo perduto, in conto interessi, direttamente sul conto corrente indicato dall'Acquirente che ne è il beneficiario.
Questo contributo varia secondo la collocazione territoriale della Ditta acquirente.
- Centro Nord può essere approssimativamente stimato nella misura del 12% del valore complessivo del bene;
- Aree in deroga art. 92.3 ammonta a circa il 18% sul valore del bene acquisito

Scadenze
E possibile presentare le domande durante tutto l'anno